Widget Image
Posts Popolari
Seguiteci anche su:
HomeCategorieSisma BonusBonus 110%, a rischio lo sconto fiscale per gli interventi nei centri storici – La Provincia di Sondrio

Bonus 110%, a rischio lo sconto fiscale per gli interventi nei centri storici – La Provincia di Sondrio

Per effettuare i suddetti interventi, si deve necessariamente procedere per aggregati di case, poiché la particolare conformazione urbanistica della città o dei borghi renderebbe meno efficace o addirittura inutile il consolidamento di un singolo edificio senza intervenire contestualmente su quelli costruiti sotto o sopra di esso».

Il sismabonus, infatti, è stato ampliato per tutto l’arco di tempo in cui resterà attivo anche il superbonus e portato ad una detrazione pari all’85% delle spese sostenute tra il 10 gennaio 2017 e il 31 dicembre 2021, ripartita in 5 quote annuali di pari importo. Inoltre, la norma ha esteso i benefici dell’incentivo agli immobili ubicati in zona sismica 3, pari al rischio medio basso e ha incluso fra gli edifici a cui riferire l’agevolazione gli immobili residenziali diversi dall’abitazione principale.

Le detrazioni possono essere usufruite anche dai soggetti passivi Ires e, dal 2018, dagli Istituti autonomi per le case popolari e dagli enti che hanno le stesse finalità sociali, nonché dalle cooperative di abitazione a proprietà indivisa ed è stata estesa, anche al sismabonus la possibilità optare per lo sconto in fattura o la cessione del credito.

La detrazione, in questo caso, va calcolata su un ammontare complessivo di 96 mila euro per unità immobiliare per ciascun anno e riguarda il singolo immobile e le sue pertinenze unitariamente considerate, anche se accatastate separatamente. Tra le spese detraibili, inoltre, rientrano anche quelle effettuate per la classificazione e la verifica sismica degli immobili. In caso di intervento che migliora la tenuta strutturale dell’edificio, il progettista deve asseverare la classe di rischio dell’edificio prima dei lavori e quella conseguibile dopo l’esecuzione dell’intervento progettato. Il direttore dei lavori e il collaudatore statico, se nominato per legge, dopo l’ultimazione dei lavori e del collaudo, devono attestare la conformità degli interventi eseguiti al progetto depositato

Link all’articolo Originale tutti i diritti appartengono alla fonte.

Rate This Article:
No comments

leave a comment