Widget Image
Posts Popolari
Seguiteci anche su:

HomeCategorieSuper Bonus 110Due strade per il Superbonus: isolamento termico o consolidamento sismico – Il Sole 24 ORE

Due strade per il Superbonus: isolamento termico o consolidamento sismico – Il Sole 24 ORE

Qualche numero. La detrazione è calcolata su un ammontare complessivo di spesa: fino a 50.000 euro per edifici unifamiliari o per unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari (cioè le villette a schiera); fino a 40.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari in edifici da 2 a 8 unità; fino a 30.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari in edifici con più di 8 unità immobiliari.

Il nodo dei requisiti energetici

C’è il tema fondamentale dei requisiti energetici. Per ottenere il Superbonus del 110% occorre, al termine dei lavori, il miglioramento di due classi energetiche dell’edificio, attestato dall’Ape (attestato di prestazione energetica) pre e post intervento.

Se l’edificio è sottoposto ad almeno uno dei vincoli del Codice dei beni culturali e del paesaggio, o se gli interventi “potenziati” sono vietati da regolamenti edilizi, urbanistici e ambientali, l’ecobonus al 110% si applica a tutti gli interventi di risparmio energetico “trainati, anche in assenza degli interventi “trainanti”, fermo restando il rispetto dei requisiti minimi e, ove possibile, il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio o delle unità immobiliari (oppure, in caso di impossibilità, il conseguimento della classe energetica più alta).

Va anche sottolineato che gli interventi di risparmio energetico accedono al Superbonus anche in caso di demolizione e ricostruzione, con ampliamento volumetrico, purché nel rispetto dei requisiti minimi e del miglioramento delle due classi energetiche, e sempre che si tratti di interventi di demolizione e ricostruzione nei termini della “ristrutturazione edilizia”.

Il consolidamento sismico

Affrontiamo ora il tema del consolidamento sismico, altro tipo di intervento potenzialmente trainante. Per essere tale va eseguita sulle parti strutturali dell’edificio e deve comportare, al termine dell’intervento, il miglioramento di una o due classi sismiche, oppure un miglioramento della sicurezza statica anche senza variazione di classe.

Link all’articolo Originale tutti i diritti appartengono alla fonte.

Rate This Article:
No comments

leave a comment