Widget Image
Posts Popolari
Seguiteci anche su:
HomeCategorieEco BonusEcobonus e Sismabonus nei territori colpiti da eventi sismici: nuova guida del Fisco – Lavori Pubblici

Ecobonus e Sismabonus nei territori colpiti da eventi sismici: nuova guida del Fisco – Lavori Pubblici

Sintetizzare, sotto forma di quesiti e risposte, le
problematiche emerse in relazione alla fruizione degli incentivi
fiscali Ecobonus e Sismabonus con specifico riferimento ai
territori colpiti da eventi sismici.

Indice degli argomenti

Ecobonus e Sismabonus: nuova guida dell’Agenzia delle
Entrate

È questo l’obiettivo che si propone la nuova guida messa a punto
dall’Agenzia delle Entrate unitamente al Dipartimento “Casa Italia”
della Presidenza del Consiglio dei ministri, con il supporto di
altre Amministrazioni coinvolte, fra le quali il Ministero della
transizione ecologica (MITE), il Consiglio superiore dei lavori
pubblici (CSLP) e l’ENEA, dal titolo “Incentivi
fiscali Ecobonus e Sismabonus nei territori colpiti da eventi
sismici
“. Il fine è mettere a disposizione chiarimenti utili
alla risoluzione delle problematiche, di natura interpretativa e
applicativa, legate alla fruizione dei contributi e delle
agevolazioni fiscali disciplinate dall’articolo 119 del Decreto
Legge n. 34/2020 (Decreto Rilancio).

La struttura delle nuova guida

Dopo un’introduzione che chiarisce gli obiettivi, la guida è
strutturata nei seguenti capitoli:

  • Quesiti generali
    Quesiti inerenti alle agevolazioni fiscali di cui ai commi 1-ter, 4
    ter, 4-quater
    Quesiti correlati alla nozione di eccedenza di cui ai commi 1-ter e
    4-quater
    Quesiti correlati alla nozione di alternatività di cui al comma
    4-ter
  • Quesiti specifici
    Quesiti inerenti alle agevolazioni fiscali di cui ai commi 1-ter e
    4-quater
    Quesiti inerenti alle agevolazioni fiscali di cui al comma
    4-ter
    Quesiti relativi alla rinuncia al contributo per la
    ricostruzione
    Quesiti relativi alle attività progettuali e tecniche
    Quesiti in materia di aggregati edilizi
    Quesiti in materia di conformità urbanistica
  • Ulteriori quesiti

Il format è, dunque, quello della domanda a cui l’Agenzia delle
Entrate fornisce una puntuale risposta.

Ricordiamo i commi 1-ter, 4-ter e 4-quater, articolo 119 del
Decreto Rilancio:

  • 1-ter. Nei comuni dei territori colpiti da
    eventi sismici, l’incentivo di cui al comma 1 spetta per l’importo
    eccedente il contributo previsto per la ricostruzione
    (Comma
    introdotto dall’articolo 57-bis, comma 1, lettera a) del
    decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104 convertito dalla legge di 13
    ottobre 2020, n. 126).
  • 4-ter. I limiti delle spese ammesse alla
    fruizione degli incentivi fiscali eco bonus e sisma bonus di cui ai
    commi precedenti, sostenute entro il 30 giugno 2022 , sono
    aumentati del 50 per cento per gli interventi di ricostruzione
    riguardanti i fabbricati danneggiati dal sisma nei comuni di cui
    agli elenchi allegati al decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189,
    convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n.
    229, e di cui al decreto-legge 28 aprile 2009, n. 39, convertito,
    con modificazioni, dalla legge 24 giugno 2009, n. 77, nonché nei
    comuni interessati da tutti gli eventi sismici verificatisi dopo
    l’anno 2008 dove sia stato dichiarato lo stato di emergenza . In
    tal caso, gli incentivi sono alternativi al contributo per la
    ricostruzione e sono fruibili per tutte le spese necessarie al
    ripristino dei fabbricati danneggiati, comprese le case diverse
    dalla prima abitazione, con esclusione degli immobili destinati
    alle attività produttive
    (Comma introdotto dall’articolo
    57-bis, comma 1, lettera b) del decreto-legge 14 agosto 2020, n.
    104 convertito dalla legge di 13 ottobre 2020, n. 126).
  • 4-quater. Nei comuni dei territori colpiti da
    eventi sismici verificatisi a far data dal 1° aprile 2009 dove sia
    stato dichiarato lo stato di emergenza, gli incentivi di cui al
    comma 4 spettano per l’importo eccedente il contributo previsto per
    la ricostruzione (Comma inserito dall’articolo 1, comma 66, lettera
    h) della legge di bilancio 2021).

Riportiamo di seguito alcune delle risposte più
interessanti.

Speciale Superbonus

Quesiti inerenti alle agevolazioni fiscali di cui ai commi
1-ter, 4 ter, 4-quater

Domanda – Qual è il rapporto tra le fattispecie
di cui ai commi 1-ter e 4-quater e di cui al comma 4-ter? In
particolare, sono cumulabili il contributo per la ricostruzione e
le agevolazioni fiscali o sono tra loro alternativi? In caso di
risposta affermativa, a quali condizioni?

Risposta – I commi 1-ter e 4-quater
dell’articolo 119 disciplinano la correlazione tra il contributo
per la ricostruzione e il Superbonus spettante per interventi,
rispettivamente, di efficienza energetica e antisismici
nell’ipotesi in cui il contributo per la ricostruzione non rimborsi
l’intero intervento. In particolare, il Superbonus di cui
all’articolo 119 spetta per l’importo eccedente il predetto
contributo; su tale importo è possibile applicare la detrazione
nella misura ordinaria del 110% della spesa rimasta a carico.

La detrazione di cui al comma 4-ter è, invece, alternativa al
contributo per la ricostruzione degli edifici danneggiati dal
sisma; previa rinuncia ai contributi erogati dalle strutture
impegnate nei processi di ricostruzione. A seguito della rinuncia,
il contribuente può usufruire del Superbonus con la maggiorazione
del 50% dei limiti di spesa.

Nell’ipotesi in cui si intenda fruire del Superbonus
“rafforzato”, il professionista è obbligato a trasmettere con le
modalità stabilite da ciascuna struttura impegnata nei processi di
ricostruzione la dichiarazione del proprietario dell’edificio resa
ai sensi dell’articolo 47 del Dpr n. 445/2000 di rinuncia al
contributo per la ricostruzione.

Questa dichiarazione costituisce condizione essenziale per
usufruire delle agevolazioni fiscali.

Soltanto qualora il contribuente presenti nelle modalità
stabilite dalle strutture impegnate nei processi di ricostruzione
una rinuncia espressa al contributo, questi può avvalersi del bonus
fiscale nella misura maggiorata. In tal senso, può parlarsi di
alternatività.

Resta fermo che, nella ipotesi in cui siano sostenute spese
diverse rispetto a quelle ammissibili a contributo, le detrazioni
fiscali di cui al comma 4-ter, limitatamente alla misura ordinaria
dell’aliquota pari al 110%, possono essere portate in detrazione
nel rispetto delle procedure specifiche per quel tipo di beneficio
fiscale. Nel caso di specie, è ammessa la fruizione delle
agevolazioni fiscali nella misura ordinaria del 110% purché siano
rispettati i requisiti oggettivi e soggettivi previsti ai sensi
dell’articolo 119.

Quesiti correlati alla nozione di eccedenza di cui ai commi 1-
ter e 4-quater

Domanda – Qual è il valore dell’aliquota
massima dell’agevolazione fiscale per l’importo eccedente il
contributo per la ricostruzione?

Risposta – In caso di spesa eccedente il
contributo per la ricostruzione, il valore dell’aliquota massima
ammessa in detrazione è pari al valore ordinario del 110%, ai sensi
dei commi 1-ter e 4-quater.
Diversamente, qualora il contribuente rinunci al contributo per la
ricostruzione, è ammessa la fruizione in termini incrementati
dell’agevolazione fiscale nella misura maggiorata del 50%
riguardante il limite di spesa.

Domanda – Come si calcola l’importo eccedente
il contributo per la ricostruzione?

Risposta – Dal rinvio ai commi 1 e 4 si deduce
che tali disposizioni costituiscono il riferimento per il sistema
di agevolazioni, con le conseguenze relative alle varie casistiche
sugli interventi trainanti e trainati. In relazione ad un
intervento per il quale si ricorre al beneficio fiscale pari al
110%, attuato su un immobile già assistito per le stesse opere, o
comunque per una parte di queste, dal contributo per la
ricostruzione, secondo i massimali previsti e nel rispetto delle
procedure previste, non è possibile portare in detrazione l’intera
spesa ma solo l’eccedenza rispetto al contributo per la
ricostruzione.

Pertanto, qualora la spesa per la rimessa in pristino del
fabbricato sia superiore al contributo riconosciuto per la
ricostruzione, l’eccedenza va quantificata sottraendo il contributo
per la ricostruzione dall’importo della spesa per gli interventi
agevolabili in quanto opere ricomprese nell’ambito di applicazione
dell’articolo 119. Su tale differenza va calcolata, nei limiti di
spesa previsti, la detrazione del 110%.

Pertanto, se per un determinato intervento, il cui costo è pari
a 100.000 euro, viene erogato un contributo di 60.000 euro, sulla
spesa rimasta a carico del contribuente, pari a 40.000 euro, può
essere calcolata la detrazione del 110% (pari a 44.000 euro).

Per maggior chiarezza, si presenta un ulteriore esempio: assunto
pari a 100 il valore delle spese da sostenere per un intervento di
rimessa in pristino di un edificio nel suo complesso,
comprendendosi opere di natura strutturale nella misura pari al
valore di 80 e altri interventi per la restante quota , ove le
spese di natura strutturale ammissibili a contributo siano
riconosciute nella misura parziale del valore di 50, il
differenziale pari al valore di 30, eccedente il contributo per la
ricostruzione, può essere assistito dalle agevolazioni fiscali,
nella misura del 110%. Inoltre, qualora gli altri interventi pari
al valore di 20 ricadano, ad esempio, tra gli interventi di
efficienza energetica ammissibili al Superbonus, o tra quelli
“trainati” agli interventi di protezione sismica già finanziati dal
contributo per la ricostruzione, gli stessi possono trovare
copertura nelle agevolazioni fiscali essendo rimaste effettivamente
a carico del contribuente.

Quesiti correlati alla nozione di alternatività di cui al comma
4-ter

Domanda – Quali sono i requisiti necessari per
usufruire delle agevolazioni fiscali in misura maggiorata?

Risposta – La ratio della disposizione di cui
al comma 4-ter consiste nell’offrire una compensazione in favore
del contribuente che rinunci al contributo per la ricostruzione;
pertanto, è necessario che sussista e che sia attestato il diritto
soggettivo del contribuente al contributo medesimo, affinché questi
possa disporne.

Al fine di fruire dell’agevolazione fiscale in misura maggiorata
ai sensi del comma 4-ter non è sufficiente il rispetto del solo
criterio dell’appartenenza territoriale e la natura compensativa
dell’incremento del 50% delle spese ammissibili non trova
giustificazione qualora l’immobile non risulti danneggiato.

Pertanto, è necessario che sia stata accertata la sussistenza
del nesso di causalità danno-evento e che il contribuente produca
l’attestazione del danno e del nesso di causalità danno-evento.
L’attestazione del livello di danno è resa tramite il rilascio
della scheda AeDES, con esito di inagibilità B, C ed E, che
certifichi la diretta consequenzialità del danno rispetto
all’evento sismico in parola, nonché la consistenza del danno tale
da determinare l’inagibilità del fabbricato. Soddisfatta questa
serie di requisiti, il contribuente potrà fruire delle agevolazioni
fiscali alle condizioni previste dal comma 4-ter.

Premesso quanto sopra, ne discende l’esclusione della fruizione
delle agevolazioni fiscali nella misura maggiorata prevista dal
comma 4-ter:

  • qualora il danno sia preesistente all’evento sismico in seguito
    al quale è stato dichiarato lo stato di emergenza, per cui non
    sussiste il nesso di causalità diretta
  • il livello del danno non sia tale da determinare l’espressione
    del giudizio di inagibilità del fabbricato, ovvero scheda AeDES con
    esito di agibilità corrispondente ad A, D, F.

Domanda – Quale documentazione occorre
presentare alle strutture impegnate nei processi di ricostruzione
per poter usufruire delle agevolazioni fiscali in misura
maggiorata, in caso di rinuncia al contributo?

Risposta – La detrazione fiscale prevista nella
misura maggiorata del 50% ai sensi del comma 4- ter è alternativa
al contributo per la ricostruzione degli edifici danneggiati dal
sisma: pertanto, nell’ipotesi in cui si intenda fruire del
Superbonus nella misura maggiorata, il professionista trasmette,
con le modalità stabilite da ciascuna struttura impegnata nei
processi di ricostruzione, la dichiarazione del proprietario
dell’edificio resa ai sensi dell’articolo 47 del Dpr n. 445/2000 di
rinuncia al contributo per la ricostruzione, al fine di assicurare
evidenza documentale alla preferenza espressa dal contribuente in
favore delle agevolazioni fiscali.

Quesiti inerenti alle agevolazioni fiscali di cui ai commi
1-ter e 4-quater

Domanda – Qualora l’intervento cosiddetto
“trainante” sia ammesso al contributo per la ricostruzione, è
possibile usufruire degli incentivi fiscali limitatamente ai soli
interventi cosiddetti “trainati”, la cui spesa risulti eccedente il
contributo?

Risposta – Qualora il contributo per la
ricostruzione assista i soli interventi “trainanti”, rimanendo a
carico del contribuente gli interventi “trainati”, è ammesso che il
contribuente possa fruire in relazione a questi ultimi delle
agevolazioni fiscali di cui ai commi 1-ter e 4- quater, nella
misura ordinaria pari al 110%. Nella compilazione
dell’asseverazione sul portale ENEA vanno comunque inseriti gli
interventi “trainanti” con l’indicazione dei relativi costi. In
assenza di tali dati, la procedura non abilita l’inserimento dei
dati degli interventi “trainati”. In ogni caso, occorre rispettare
le procedure e i requisiti previsti dall’articolo 119 e dai
connessi decreti attuativi.

Domanda – Le opere di finitura edile, quali
intonaci e pavimenti, e i ripristini impiantistici, connessi agli
interventi ammessi al contributo per la ricostruzione che non
possono tuttavia beneficiare dello stesso contributo per la
ricostruzione, possono usufruire delle agevolazioni fiscali?
Inoltre, le agevolazioni fiscali spettano anche per le eventuali
lavorazioni aggiuntive eseguite o da eseguire a discrezione del
privato (migliorie o accolli volontari) non necessariamente
collegate al perseguimento dell’agibilità post-sisma?

Risposta – Nell’ambito del progetto unitario e
nei limiti previsti per ciascun intervento, le detrazioni fiscali
spettano anche sulle spese rimaste a carico del contribuente, quali
le spese relative alle opere di completamento di interventi
“trainanti” e “trainati” ammessi al Superbonus per i quali è stato
erogato il contributo per la ricostruzione. Sono comprese fra le
opere di completamento dell’intervento “complessivamente”
considerato gli interventi di carattere accessorio correlati
all’esecuzione di interventi di carattere “principale”, i cui costi
in assenza della predetta correlazione non sarebbero ammessi al
Superbonus quali, ad esempio, le opere di finitura edile, tra cui
gli intonaci e i pavimenti, e i ripristini impiantistici. Inoltre,
qualora siano sostenute spese diverse rispetto a quelle ammissibili
al contributo per la ricostruzione, quali i costi sostenuti in
relazione ad interventi di miglioria eseguiti o da eseguire a
discrezione del privato, queste possono essere separatamente
portate in detrazione nel rispetto delle procedure specifiche
previste per il beneficio fiscale del quale si intende avvalersi;
nello specifico, qualora l’intervento possa accedere al regime
fiscale del Superbonus, occorre che siano rispettati i requisiti
oggettivi e soggettivi previsti ai sensi dell’articolo 119.

Quesiti inerenti alle agevolazioni fiscali di cui al comma
4-ter

Domanda – Qualora si rinunci al contributo per
la ricostruzione, gli interventi, che non rientrano nelle tipologie
di spesa ammissibile dal Sismabonus e dall’Ecobonus, possono godere
delle agevolazioni fiscali, ancorché non ammesse dalla normativa
fiscale sul presupposto che per le stesse spetta il contributo per
la ricostruzione?

Risposta – La fruizione delle agevolazioni
fiscali nella misura maggiorata ai sensi del comma 4-ter non
modifica il complesso di requisiti oggettivi e soggettivi già
previsti in caso di fruizione dei benefici fiscali nella misura
ordinaria del 110%.

Pertanto, è ferma l’esclusione di spese non altrimenti
ammissibili al Sismabonus e all’Ecobonus, anche nel caso di spese
rimborsabili con altro provvedimento sulla base di differenti e
specifiche disposizioni normative, riguardanti il riconoscimento
del contributo per la ricostruzione. Non è infatti prevista alcuna
ammissione generalizzata delle spese ai regimi fiscali in
argomento.

Quesiti relativi alla rinuncia al contributo per la
ricostruzione

Domanda – In caso di rigetto della domanda di
contributo per la ricostruzione, è possibile comunque beneficiare
degli incentivi fiscali in misura maggiorata?

Risposta – No, in quanto si può fruire degli
incentivi fiscali in misura maggiorata previsti dal comma 4-ter,
solo in alternativa al contributo. Pertanto, la fruizione delle
suddette agevolazioni presuppone il diritto al contributo per la
ricostruzione e la successiva rinuncia formale allo stesso.

Domanda – La rinuncia al contributo è
revocabile? E con quali modalità?

Risposta – La rinuncia può essere revocata
entro i termini di presentazione della domanda di ammissione a
contributo per la ricostruzione, a condizione che per effetto della
rinuncia non si sia già usufruito delle detrazioni fiscali
alternative.

Quesiti relativi alle attività progettuali e tecniche

Domanda – Le eventuali indagini specialistiche,
geologiche o sui materiali, che eccedono il contributo per la
ricostruzione, previsto dalla specifica disciplina normativa per le
attività tecniche poste in essere per la ricostruzione, possono
usufruire delle agevolazioni fiscali?

Risposta – Come chiarito dalla circolare n.
24/E del 2020 dell’Agenzia delle entrate, le agevolazioni fiscali
spettano al contribuente qualora questi sostenga spese correlate
agli interventi che beneficiano del Superbonus, a condizione,
tuttavia, che l’intervento a cui si riferiscono sia effettivamente
realizzato. Fra queste, sono comprese le spese sostenute per la
progettazione e le altre spese professionali connesse, comunque
richieste dal tipo di lavori, quali l’effettuazione di perizie e
sopralluoghi, le spese preliminari di progettazione e ispezione e
prospezione, fermo restando che le predette spese eccedano il
contributo per le attività tecniche

Domanda – È prevista la possibilità di
utilizzare il prezzario regionale in corso di validità ai fini
dell’adeguamento del progetto, qualora sia necessario ai fini della
fruizione del Superbonus?

Risposta – Alla luce del decreto del Ministero
dello sviluppo economico 6 agosto 2020, ai sensi dell’Allegato A,
paragrafo 13.1, lettera a), è previsto l’utilizzo dei prezzari
regionali in corso di validità, ai fini della predisposizione dei
progetti di interventi ammessi alla fruizione delle agevolazioni
fiscali per gli interventi di efficienza energetica. Tale utilizzo
può essere esteso anche agli interventi antisismici.

Domanda – Il visto di conformità previsto dalla
normativa relativa alle agevolazioni fiscali, apposto dai soggetti
abilitati quali commercialisti o CAF, riguarda tutto il progetto
ovvero solo l’importo eccedente il contributo per la
ricostruzione?

Risposta – Il soggetto che appone il visto di
conformità a deve valutare il progetto sia nella sua interezza sia
nelle sue parti al fine di apporre il visto di conformità,
necessario ai fini della fruizione delle agevolazioni fiscali.
Essendo il progetto unitario tale soggetto deve tener conto di
tutte le parti dando comunque evidenza della copertura attraverso
il contributo per la ricostruzione.

Quesiti in materia di aggregati edilizi

Domanda – Si può applicare la disciplina delle
agevolazioni fiscali riferita ai condomìni agli aggregati edilizi
interessati dai processi di ricostruzione?

Risposta – Si premette che con l’espressione
“aggregato edilizio” si intende un insieme di edifici
strutturalmente interconnessi tra loro con collegamenti anche
parzialmente efficaci, anche derivanti da progressivi accrescimenti
edilizi, che possono interagire sotto un’azione sismica essendo
privi di soluzioni di continuità.

Ai fini dell’applicazione del Superbonus, limitatamente agli
interventi antisismici, all’aggregato edilizio è possibile
applicare le medesime disposizioni previste per i condomìni in
relazione al trattamento delle parti comuni, anche qualora i
proprietari delle unità immobiliari che compongono l’aggregato
edilizio si costituiscano in consorzio, coerentemente con le
previsioni normative specifiche per ciascuno dei territori
interessati dai processi di ricostruzione.

Quesiti in materia di conformità urbanistica

Domanda – Si può beneficiare delle agevolazioni
fiscali su un immobile che presenta difformità edilizie consistenti
in aumenti volumetrici, quali ampliamenti o sopraelevazioni, non
ancora oggetto di sanatoria?

Risposta – In materia di conformità urbanistica
ed edilizia si osserva che i processi di ricostruzione degli
immobili ubicati nei Comuni interessati da un evento sismico, sono
disciplinati dalle specifiche disposizioni normative valide per
ciascuna di queste aree: tale disciplina normativa ha natura
speciale, ovvero derogatoria, rispetto alla disciplina generale di
settore.

Pertanto, ai fini della verifica della conformità urbanistica
degli interventi di rimessa in pristino degli edifici danneggiati
dal sisma, compresi i casi di demolizione e ricostruzione, si
applica la disciplina speciale ivi prevista, in deroga alle norme
del Testo unico dell’edilizia (Dpr n. 380/2001).

Alla luce dell’emanazione del decreto legge n. 77/2021, (in
corso di conversione), recante la modifica del comma 13-ter
dell’articolo 119 del decreto legge n. 34/2020, è venuto meno
l’onere di accertare la conformità urbanistico-edilizia
dell’immobile, prevedendosi una limitazione delle fattispecie al
cui ricorrere si determina la decadenza del beneficio fiscale,
circoscrivendo l’applicazione dell’articolo 49, comma 1, del Dpr n.
380/2001 ai soli casi riportati al penultimo periodo del comma
13-ter.

Con la presentazione della CILA, titolo abilitativo richiesto ai
fini dell’esecuzione dei lavori rientranti nella disciplina del
Superbonus, il tecnico è tenuto a rappresentare fedelmente lo stato
dei luoghi; qualora siano evidenziate delle difformità rispetto
all’ultimo titolo edilizio, nell’ambito dell’esercizio delle
funzioni di vigilanza e repressione contro gli abusi, nonché del
potere sanzionatorio previsti dall’ordinamento, l’Ente locale potrà
porre in essere i provvedimenti ivi previsti, quali la sospensione
dei lavori, gli ordini di restituzione in pristino o l’irrogazione
di sanzioni pecuniarie, facendo tuttavia salva la fruizione delle
agevolazioni fiscali, in quanto la presentazione della CILA è
comunque conforme all’elenco di casi sopra anticipato.

Diversamente, qualora il tecnico presenti un progetto non
conforme allo stato dei luoghi, questi si espone non soltanto
all’adozione dei provvedimenti predetti, ma anche alle conseguenze
sanzionatorie correlate alla mendacia delle dichiarazioni
rilasciate, determinando, inoltre, la decadenza del beneficio
fiscale stesso, ai sensi di quanto previsto dall’articolo 119,
comma 13-ter, lett. d) e comma 14, quinto periodo.

Premesso quanto sopra, sebbene non sia previsto l’adempimento
dell’onere correlato alla verifica della conformità
urbanistico-edilizia dell’immobile, la fruizione dei benefici
fiscali è comunque esclusa in relazione all’esecuzione delle opere
finalizzate alla rimozione della difformità edilizia. Qualora la
conformità urbanistico-edilizia dell’immobile oggetto
dell’intervento non sia conseguita in una fase antecedente
all’avvio dei lavori ammessi alla fruizione delle agevolazioni
fiscali, il contribuente è tenuto ad adoperarsi affinché gli
elementi di difformità siano quanto prima sanati, al fine di non
essere interessato dall’adozione dei provvedimenti di competenza
dell’Ente locale, di particolare rilievo in quanto in grado di
incidere significativamente sulla programmazione dei lavori
prevista.

In allegato la guida completa.

Link all’articolo Originale tutti i diritti appartengono alla fonte.

Vota l'Articolo:
Nessun Commento

Lascia un Commento