Widget Image
Posts Popolari
Seguiteci anche su:

HomeCategorieSuper Bonus 110GDF CHIETI: denunciate 16 persone per indebito utilizzo di crediti d’imposta connessi al “bonus facciate” e “superbonus 110%”. Il Comando Provinciale Chieti ha scoperto una truffa, di circa 50 milioni di euro, realizzata da un sodalizio criminale, con base IN TRE CAPOLUOGHI CAMPANI, finalizzata alla richiesta fraudolenta di crediti d’imposta relativi ai bonus sulle ristrutturazioni. — Vita Web TV

GDF CHIETI: denunciate 16 persone per indebito utilizzo di crediti d’imposta connessi al “bonus facciate” e “superbonus 110%”. Il Comando Provinciale Chieti ha scoperto una truffa, di circa 50 milioni di euro, realizzata da un sodalizio criminale, con base IN TRE CAPOLUOGHI CAMPANI, finalizzata alla richiesta fraudolenta di crediti d’imposta relativi ai bonus sulle ristrutturazioni. — Vita Web TV

GDF CHIETI: denunciate 16 persone per indebito utilizzo di crediti d’imposta connessi al “bonus facciate” e “superbonus 110%”. Il Comando Provinciale Chieti ha scoperto una truffa, di circa 50 milioni di euro, realizzata da un sodalizio criminale, con base IN TRE CAPOLUOGHI CAMPANI, finalizzata alla richiesta fraudolenta di crediti d’imposta relativi ai bonus sulle ristrutturazioni. — Vita Web TV

Il Comando Provinciale Chieti, nell’ambito di una operazione coordinata dalla locale Procura della Repubblica, ha scoperto una truffa di circa 50 milioni di euro, realizzata da un sodalizio criminale, con base in tre capoluoghi campani, finalizzata alla richiesta fraudolenta di crediti d’imposta relativi ai bonus sulle ristrutturazioni. Nello specifico, le indagini, svolte su scala nazionale dalle Fiamme Gialle del Gruppo Chieti – coordinate dal Ten. Col. Vito Casarella – a contrasto delle frodi legate agli incentivi previsti dai cc.dd. “Bonus Facciate” e “Superbonus 110%”, hanno messo in luce un meccanismo di frode, collaudato nel tempo, che prevedeva l’emissione di fatture attestanti lavori mai eseguiti, maturando i relativi crediti d’imposta che questi ultimi, attraverso una serie di cessioni ed acquisti – in una circolarità priva di apparente senso logico – se ne tentava l’occultamento della loro origine delittuosa. A concorrere nella frode erano soggetti titolari di imprese individuali – otto di
…continua a leggere

Tutti i diritti dei contenuti presenti in questo articolo sono della fonte e vengono riportati solo per “diritto di breve citazione” (art. 70 Legge n. 633/1941), indicando sempre la fonte, con relativo link al sito di provenienza. Leggi il Disclaimer.

Link all’articolo Originale.

Rate This Article:
No comments

leave a comment